T.E.A. sas

News & Eventi

In Austria l’eccellenza calabrese racconta Leonardo Da Vinci

7 settembre 2019
Il lavoro presentato è un avveniristico allestimento multimediale in 8K, LSF-500, curato da Franz Fischnaller, artista italiano conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo per la creatività e la spettacolarità della sua opera, la cui attività ha come fondamento quel processo di creatività transmediale, che esplora numerose discipline, tra cui arte visuale, tecnologia, scienza, new media design, beni culturali, scienze umane e social.
LSF-500 si basa sul ben più complesso progetto “Opere di Leonardo”, ideato e realizzato dall’Istituto Centrale per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario (ICRCPAL) di Roma, consistente in una serie di attività di indagine e di ricerca condotte sui 13 disegni di Leonardo da Vinci, conservati presso la Biblioteca Reale di Torino, tra cui il famoso Autoritratto ed il Codice sul volo degli uccelli.

Specializzata in imaging multispettrali, nel marzo dello scorso anno la T.E.A., ha acquisito questi disegni e successivamente li ha elaborati grazie ad Ammira, il software realizzato proprio dalla stessa T.E.A.. Solo così quelle tavole hanno mostrato tutta la loro bellezza rivelando al mondo dei dettagli invisibili ad occhio nudo.
“E’ stata a dir poco un’esperienza entusiasmante che è partita a marzo dello scorso anno – spiega Elena Console – Durante le lezioni di informatica applicata ai beni culturali, che la T.E.A. ormai tiene da 4 anni alla Scuola di Alta Formazione dell’ICRCPAL di Roma nell’ambito del corso di Laurea Magistrale in “Restauro dei materiali librari” , abbiamo acquisito le immagini multispettrali e ad alta definizione dei tredici disegni di Leonardo e del Codice sul volo degli uccelli conservati presso la Biblioteca Reale di Torino”.


“Un’immagine multispettrale – racconta – è costituita da più immagini digitali acquisite in differenti regioni dello spettro elettromagnetico, come l’infrarosso (IR) e l’ultravioletto (UV), oltre che il visibile (RGB). Questo consente di mettere in evidenza particolari che non si possono vedere e di poter anche effettuare una prima diagnosi dello stato di salute dei documenti in maniera totalmente non invasiva”.
Grazie alle acquisizione fatte ed alle elaborazioni realizzate con il software realizzato dalla Tea, si è mostrato un volto, celato dalla scrittura del Maestro, in una pagina del Codice sul volo ed una scritta ormai quasi scomparsa sul noto Autoritratto. E sono anche altri emersi particolari nascosti, come un pentimento di Leonardo nel disegno “Studi di gambe virili”. “L’artista – spiega Elena Console – aveva disegnato una delle gambe in una determinata posizione e poi ha cambiato idea, cancellandola e ridisegnandola. L’acquisizione agli ultravioletti ha consentito di portare alla luce questo particolare”.

In LSF-500 sono confluiti i risultati ottenuti dalla T.E.A. e le immagini ad altissima definizione acquisite da Alfredo Corrao, fotografo professionista del MiBAC, risultati che sono stati già presentati a Roma, nel dicembre 2018, in occasione del convegno “Leonardo e i suoi segreti” organizzato proprio dall’ICRCPAL.
Fonte: La Nuova Calabria


Presentato il Progetto AIVES

2017 - 2019

Dall'Antica alla Nuova Via della Seta

Quirinale - Roma 2017

Realizzazione video d’apertura della mostra “Dall’Antica alla Nuova Via Della Seta” promossa dalla Presidenza della Repubblica – Palazzo del Quirinale e a Torino dalla Fondazione Torino Musei – MAO Museo d’Arte Orientale.



FINCALABRA - #CaseHistories

Aprile 2016


#TechBeC – Comunicazione e Tecnologie per i Beni Culturali: Una Sinergia Vincente

Catanzaro - 2015

#TechBeC – Comunicazione e Tecnologie per i Beni Culturali: Una Sinergia Vincente

L’importanza di comunicare e applicare le nuove tecnologie all’arte

I risultati del progetto ITACA hanno rappresentato la premessa per discutere delle nuove tecnologie applicate alla tutela dei beni culturali. L’auditorium, gremito soprattutto da allievi delle scuole superiori calabresi, ha partecipato attivamente al dibattito che, grazie all’hashtag #techbec, si è spostato anche sui social network.
Il dr. Alberto Angela ha sottolineato l’importanza di preservare i beni culturali, salvaguardandoli dalla barbarie, riscoprendo le radici classiche. Alla tavola rotonda – moderata dalla giornalista Sky Mariangela Pira – ha portato il proprio contributo il prof. Louis Godart, il quale ha ribadito che «riscoprire i beni culturali significa contribuire allo sviluppo economico del meridione che è il territorio più ricco di storia e tesori». Hanno partecipato, inoltre, la d.ssa Marina Bicchieri, la dott.ssa Maria Caterina Misiti, il prof. Umberto Broccoli (questi ultimi due tramite un video messaggio), l’on. Vincenzo Ciconte e la dott. Elena Console, Amministratore della TEA.